La Missione e il
futuro che immaginiamo

 

 

Come riportato nel Regolamento, la missione dell’Associazione Telefono Voce Amica Firenze è esclusivamente quella di “offrire ad ogni essere umano che abbia desiderio di farlo la possibilità di stabilire un contatto immediato con una persona disponibile ad ascoltarlo ed interagire con lui nel totale rispetto del suo anonimato e della sua autodeterminazione, e senza operare alcuna distinzione di opinione politica, di età, di religione, di orientamento sessuale, di razza.”

Telefono Voce Amica Firenze si propone di accogliere le telefonate senza la presunzione di criticare, giudicare o dare consigli ma con l’unico obiettivo di assicurare una vicinanza emotiva, assicurando uno spazio dove il singolo possa sentirsi accolto in quanto individuo, possa esprimere liberamente la propria identità, possa essere riconosciuto come essere umano con le sue necessità, timori, paure, gioie, paranoie, rabbia, tristezza.

I motivi che portano a chiamare Voce Amica sono i più svariati: la solitudine è uno dei principali disagi manifestati, ma anche l’imbarazzo di confidarsi con parenti ed amici, la mancanza di persone disposte ad ascoltare senza giudicare e fornire direttive. Spesso il solo bisogno di parlare e di raccontarsi per combattere la noia della monotonia quotidiana.

Chiamano indifferentemente persone appartenenti alle più disparate categorie sociali: uomini e donne, giovani ed anziani. Qualcuno ha semplicemente bisogno di compagnia, qualcuno soffre d’insonnia, qualcuno ha bisogno di raccontare il suo “dramma quotidiano”, grande o piccolo che sia, il suo momento di tristezza, il suo momento di gioia (capita anche questo, anche se più raramente), qualcuno cerca un consiglio, o una conferma alle proprie convinzioni, qualcuno manifesta in modo evidente il suo disagio mentale, la sua ossessione ripetitiva. Tutti generalmente manifestano la carenza di “rapporti umani e sociali”.

 

La nostra idea di futuro

Dal punto di vista della tipologia di servizio che offre l’Associazione, ma soprattutto sulle modalità e sui principi ispiratori dello stesso, riteniamo che l’impostazione attuale, ormai consolidata in decenni di vita dell’Associazione, continui a mantenere la propria validità e specificità.

Ci proponiamo invece di poter allargare sempre più la platea delle persone che conoscono l’esistenza ed il servizio offerto da Voce Amica per poterne usufruire quando ne manifestassero il desiderio e/o il bisogno.

Ci proponiamo anche di poter garantire la copertura integrale dell’orario di servizio prevedendo la presenza di almeno due volontari per turno. Questo significa aumentare il numero di volontari attivi continuando con l’attività di ricerca e di formazione di nuovi aspiranti. Ma significa anche valorizzare Associazione Telefono Voce Amica Firenze Bilancio sociale 2015 8 e fidelizzare al massimo i volontari già in servizio sviluppando continuamente iniziative di formazione ed occasioni di incontro e conoscenza reciproca.

Ma al di là degli aspetti quantitativi, ci proponiamo anche di riuscire a migliorare costantemente la qualità del servizio offerto. Il rispetto dell’impegno che assumiamo con i nostri potenziali utenti non comporta solo garantire la concretizzazione del nostro motto “tutti i giorni dalle 16 alle 6”, ma anche garantire al meglio delle nostre possibilità quel tipo di servizio che dichiariamo nella mission della nostra Associazione. E questo possiamo ottenerlo solo grazie ad una costante ed accurata attenzione alla Formazione Permanente dei nostri volontari. Per fare questo ci proponiamo di coinvolgere sempre più volontari nel Gruppo di Formazione e nel Gruppo dei Tutor.

 

Relazioni col mondo circostante

Se l’anonimato è uno dei punti di forza della nostra Associazione perché costituisce una colonna portante del servizio che offriamo, occorre purtroppo riconoscere che lo stesso ci limita molto nei rapporti con il mondo circostante.

Non avere una sede aperta al pubblico, non poter partecipare se non in forma molto limitata a manifestazioni pubbliche, non potere attivare relazioni permanenti estese a tutti i volontari con altre associazioni di volontariato e non, sono tutti vincoli che limitano enormemente le relazioni. E con le relazioni, limitano anche la possibilità di manifestarsi, sia con il fine di far conoscere il servizio, sia con quello di reperire nuovi aspiranti volontari.

Anche il mondo dei Social Media, ormai ampiamente diffuso, rimane di difficile accesso dal momento che dobbiamo necessariamente limitarci ad una presenza istituzionale senza la possibilità di stabilire un dialogo e soprattutto senza la possibilità di essere presenti come individui (gli “amici” di Facebook per intenderci, o simili.

Ciò non toglie però che dovremo impegnarci per sfruttare al massimo queste opportunità, pur mantenendo saldi i nostri valori.

Dovremo anche impegnarci nello sviluppare le relazioni con le Istituzioni locali, al fine di trovare spazi di collaborazione. Dobbiamo infatti tenere presente che il servizio offerto dalla nostra Associazione va a colmare uno spazio lasciato vuoto da tutti. Non esiste infatti alcun servizio pubblico, ma neppure privato, che sia disponibile per raccogliere, tanto per fare un solo esempio, la disperazione di un anziano solo in piena notte.

 

 Tra 5 anni

E’ veramente difficile immaginare come potrebbe essere la nostra Associazione tra 5 anni, ed ancora più difficile assumere impegni a così lunga distanza. Caratteristica principale delle Associazione Telefono Voce Amica Firenze Bilancio sociale 2015 9 associazioni di volontariato come la nostra, basata esclusivamente sull’impegno dei volontari, è quella di essere intimamente legata alla disponibilità pro-tempore dei volontari presenti, che può essere anche estremamente variabile nel tempo.

Possiamo solo elencare una serie di auspici che ci indichino una direzione in cui lavorare, in ordine di complessità crescente:
punto elenco

Riuscire sistematicamente tutti i mesi a coprire per intero il calendario dei turni. Non dimentichiamo che, almeno a memoria dei volontari attuali, non ci siamo mai riusciti nemmeno una volta. Ci siamo molto avvicinati negli ultimi tempi a questo ambito traguardo, ma almeno un turno scoperto ogni mese si è sempre verificato.

punto elenco

Riuscire a coprire tutti i turni, anche quelli notturni, con almeno due volontari. Per raggiungere questo obiettivo occorre avere almeno 60 volontari attivi. E’ un obiettivo realisticamente perseguibile, proseguendo con costanza con la ricerca e la formazione di nuovi volontari.

punto elenco

Estendere l’orario di servizio alle 24 ore. Questo obiettivo è molto ambizioso e pensiamo che sia praticamente impossibile raggiungerlo contando solo sulle nostre forze. Occorrerebbe infatti poter contare su almeno 120 volontari attivi, probabilmente difficili da reperire nella sola città di Firenze.

Ed ancora, sul piano della qualità:

punto elenco

Portare ad almeno il 75% la media della partecipazione dei volontari agli incontri istituzionali mensili di Formazione Permanente, tenendo conto che ora siamo mediamente appena sopra il 50%. 2) Incrementare le ore destinate alla Formazione Permanente, affiancando all’incontro istituzionale mensile altre occasioni di formazione