I Valori di riferimento

 

   

Ascolto attivo

L'Ascolto è il valore fondamentale di Voce Amica Firenze. Spesso diamo per scontata la sua entità sottovalutando la sua reale importanza. E' il cardine di ogni telefonata e consente l'approccio con la persona che chiama, permettendole di esprimersi liberamente, di raccontarsi ed entrare in relazione con il volontario.

 L’ascolto si basa sulla comprensione empatica e richiede un’adeguata sensibilità per intuire il mondo della persona che chiama, come si sente nelle situazioni di cui parla.

Ascoltare significa fare attenzione anche alle pause, ai silenzi, e cercare di costruire empaticamente la relazione con la persona che chiama piuttosto che condurre la conversazione.

Nella relazione empatica, il volontario è accanto alla persona che chiama, entra nel suo problema per tutta la durata della telefonata e lo vive insieme a lui. Il volontario deve stare attento a non identificarsi troppo col problema che gli viene sottoposto dato che non ha alcuna possibilità di agire per risolverlo, ammesso che sia possibile, ma anzi deve essere abile nel rimettere totalmente in gioco la propria disponibilità nei confronti delle chiamate successive.

Voce Amica Firenze pone particolare attenzione allo sviluppo delle capacità di ascolto ed a trasmettere ai volontari le competenze necessarie per avere piena consapevolezza di questo importante valore. La formazione, iniziale e permanente, è un momento nevralgico di chi si propone e opera come volontario in Voce Amica Firenze: è incentrata sullo sviluppo dell'ascolto come momento di accoglienza e comprensione, scevra da (pre)giudizi personali. Voce Amica Firenze pone l'ascolto come presupposto primario per una comunicazione efficace ed empatica che pone l'operatore nella condizione di poter entrare nel mondo emotivo della persona chiamante, percependone ansie e timori ma mantenendo la dovuta neutralità.

 

Accoglienza incondizionata

Accogliere incondizionatamente significa accettare che la persona che chiama ha sempre e comunque diritto ad instaurare una relazione col volontario che risponde, al di là di ogni giudizio personale, qualsiasi sia l’argomento e l’andamento della telefonata.

Significa anche adattarsi ai ritmi ed al linguaggio del chiamante, lasciando che sia lui a condurre la telefonata, senza giudicare e senza minimizzare il contenuto della stessa: “se quello che mi racconti è un problema per te, è in ogni caso una cosa importante”.

L’attenzione non è sull’argomento né sulle modalità della telefonata ma sulla relazione con la persona che chiama, accogliendola sempre e comunque nel suo specifico e personalissimo valore.

 Accogliere la persona che chiama non significa comunque perdere la propria individualità, o rinunciare al proprio punto di vista, ma solo non contrapporlo e non farlo pesare all’altro. Fare un passo indietro, sospendere il proprio giudizio, negativo o positivo che fosse, mantenendo però la propria autenticità. Se la persona al telefono esprime una posizione inaccettabile da parte del volontario, questo non comporta una valutazione negativa della persona che precluderebbe ogni possibilità di relazione.

 

Rispetto

Il rispetto assoluto per la persona che chiama Voce Amica Firenze, per la storia che ci porta, per le sue credenze, opinioni, idee ed azioni è fondamentale.

Nell’accettare la diversità dell’altro sotto ogni punto di vista, occorre evitare assolutamente di porsi in maniera oppositiva o polemica su argomenti particolarmente sensibili, come il credo religioso, l’opinione politica, l’orientamento e le abitudini sessuali.

Vengono rispettati i tempi dell’altro, viene lasciata a chi chiama l’iniziativa di condurre e terminare la telefonata quando lo ritiene opportuno. Da parte del volontario, le uniche motivazioni valide per chiedere la conclusione della conversazione sono il raggiungimento della fine del turno e l’incalzare di altre telefonate. In quest’ultimo caso, ovviamente, dopo aver comunque garantito un tempo congruo per la conversazione in atto.

 

Anonimato

L’anonimato consente di parlare liberamente di qualsiasi cosa, anche la più difficile da dire, in un clima di non giudizio e permette a chi telefona un’apertura ed uno sfogo totali, senza il timore di essere riconosciuto o rintracciato, al riparo da ogni ipocrisia.

I volontari di Voce Amica Firenze non indagano mai in alcun modo sulla persona che chiama, non chiedono il nome, l’età, la città dove vive, il lavoro che svolge, la situazione familiare o l’orientamento sessuale; accolgono solo quello che il chiamante decide spontaneamente di raccontare di sé, senza chiedersi se corrisponda o meno a verità, senza fare nemmeno riferimento a conversazioni avute precedentemente con la stessa persona a meno che non sia lei a chiedere esplicitamente: “ti ricordi…?”

Proprio per evitare ogni rischio di collegare le telefonate alle persone che chiamano, è stato richiesto alla compagnia telefonica di non inviare nemmeno l’identificativo del chiamante, che non viene pertanto né registrato nel log del centralino telefonico, né presentato sul display al volontario che risponde.

Non viene neppure effettuata nessuna rilevazione delle caratteristiche delle persone che chiamano, né degli argomenti trattati, ma solo del numero e della durata delle telefonate a puri fini di quantificazione statistica del servizio svolto.

Allo stesso tempo l’anonimato viene garantito anche ai volontari preservandoli dall’essere coinvolti nella loro vita privata, dal momento che non sarebbe possibile garantire fuori dal servizio lo stesso tipo di relazione, totalmente empatica ed accogliente nei confronti di chiunque.

Per lo stesso motivo, viene mantenuta la riservatezza della sede e dell’organizzazione interna dell’Associazione. L’anonimato del volontario risponde anche all’esigenza di non essere “invadenti” nella telefonata con la propria personalità. L’aperta manifestazione del grado di cultura, dell’età, della professione, dello stato civile, della situazione economica del volontario può limitare la capacità di accoglienza nei confronti del chiamante che potrebbe sentirsi inferiore nel confronto. Raccontare la propria esperienza (“è successo anche a me …”) può comportare il rischio di mortificare l’altro sminuendo la sua esperienza e magari dimostrandogli quanto, in quella circostanza, a differenza di lui, io sia stato bravo.

 

Imparzialità

Tutte le persone che chiamano Voce Amica Firenze hanno lo stesso diritto di essere ascoltate ed accolte. Non esiste alcun criterio per privilegiare una persona piuttosto che un’altra, un problema piuttosto che un altro, un argomento di conversazione rispetto ad un altro.

Non esiste una gerarchia di bisogni e di motivazioni e non viene mai minimizzato il contenuto della telefonata.

 Non a caso lo slogan per la ricerca di nuovi volontari è: “Da 50 anni noi ascoltiamo tutti: vieni con noi?”

 

 Assenza di giudizi e consigli

Giudicare significa categorizzare una persona, attribuirle l’etichetta di “buono” o di ”cattivo”. La persona che si rivolge a Voce Amica Firenze vuole soltanto essere ascoltata ed accettata da noi.

I consigli, già difficili da dare ad una persona che conosciamo molto bene, non possono fare parte di un rapporto anonimo e di breve durata, comportano il rischio di giudicare (“se non fai come ti consiglio io, sei una persona sbagliata”) e di indurre l’altro a decisioni e comportamenti che potrebbero essere deleteri per lui.

 

Dignità

Ogni persona che chiama Voce Amica Firenze ha il valore intrinseco della dignità proprio in quanto individuo, indipendentemente dall’argomento che porta e dalle modalità scelte per condurre il colloquio.

 

Libertà

Il logo di Voce Amica Firenze riporta la scritta “Gruppo volontari laici”. La definizione deve essere intesa nel modo più ampio possibile e non riferita soltanto alla non adesione ad alcuna confessione religiosa. Laico deve essere inteso nel senso di persona priva di pregiudizi, non condizionata dall’adesione a confessioni religiose, partiti politici, movimenti di opinione, ecc. per garantire una totale libertà di pensiero e di espressione alle persone che si rivolgono al servizio.

Ciò non toglie, ovviamente, il diritto imprescindibile di ciascun volontario di mantenere e professare le proprie convinzioni ed opinioni personali in ogni altra circostanza della vita, anche nei rapporti con gli altri volontari.

 

 Gratuità

Il servizio è completamente gratuito. L’unico onere a carico della persona che chiama Voce Amica Firenze è il costo della telefonata ad un numero urbano di rete fissa che, con le attuali tariffe “flat” ampiamente diffuse, risulta piuttosto contenuto sia per chiamate da numeri fissi che da cellulare.

 

Condivisione

Se non c’è condivisione non c’è gruppo. Se non c’è gruppo non c’è squadra. All’interno di Voce Amica Firenze il valore della condivisione è di vitale importanza: è la linfa che tiene alta la vitalità del gruppo e del suo operato.

I momenti di condivisione all’interno del gruppo aiutano i singoli componenti ad accrescere il senso di appartenenza e di coinvolgimento e quindi ad intraprendere la vita associativa in maniera intensa, fatta di momenti di confronto, di scambio e di sostegno.

Condivisione intesa anche come disponibilità a collaborare con gli altri, per una sempre maggiore distribuzione dei ruoli e dei carichi di lavoro.

Importantissima in questo ambito anche la disponibilità all’accoglienza dei nuovi volontari, che devono sentirsi fin dal primo momento parte integrante dell’Associazione, e per aiutarli a superare i timori, i disagi, gli imbarazzi iniziali.

 

Democrazia e trasparenza

La trasparenza che caratterizza l’operato dell’Associazione e l’attività dei volontari è elemento fondamentale per accrescere la fiducia tra i singoli e tra i singoli e l’Associazione. Ogni decisione che influenzi anche in modo minimale la vita associativa viene condivisa, discussa e approvata in maniera democratica, mettendo tutti nella condizione di esprimere opinioni, osservazioni, criticità.

Il Consiglio Direttivo aggiorna costantemente via e-mail i singoli associati sulle dinamiche organizzative e logistiche, invitando alla più ampia partecipazione e condivisione sia delle iniziative che delle decisioni da assumere.

 

Impegno personale e dedizione volontaria

Non essendo l’impegno del volontario di Voce Amica Firenze retribuito, questo richiede una grande dedizione dal momento che si svolge in assoluto anonimato verso persone sconosciute. Il volontario riceve, in cambio, un arricchimento dal punto di vista emotivo.

Dedicare un poco del proprio tempo a cercare di portare sollievo a persone che altrimenti non avrebbero nessuno a cui rivolgersi permette di apprezzare ciò che spesso è dato per scontato.

 

Intercambiabilità dei turnisti

Le persone che chiamano Voce Amica Firenze telefonano ad una Associazione, non ad una specifica persona. Il valore dell’essere Associazione si concretizza nel fatto che tutti i volontari di Voce Amica Firenze, pur mantenendo la propria personale specificità ed il proprio modo di porsi al telefono, esprimono la stessa impostazione e si riconoscono integralmente nella missione e nei valori dell’Associazione.

Questo garantisce alla persona che chiama di trovare sempre la stessa accoglienza indipendentemente dal volontario che risponde. E’ il valore che fa sì che il servizio di Voce Amica Firenze sia effettivamente disponibile nello stesso modo “tutti i giorni dalle 16 alle 6”.

E’ anche il valore che consente di non creare relazioni personali tra persona che chiama e volontario. Esse, infatti, invaliderebbero la missione del servizio diventando fonte di delusione e di disagio per le persone che si sono affidate all’Associazione.

Tale aspetto è ritenuto talmente importante che l’eventuale instaurarsi di rapporti personali al di fuori del servizio tra un volontario ed un utente, anche il solo scambio di numeri di telefono, è motivo sufficiente per l’espulsione immediata dall’Associazione.

 

 

Non professionalità dei volontari

Ai volontari di Voce Amica Firenze non è richiesta nessuna competenza specifica. Anzi, l’esperienza ci insegna che spesso i volontari dotati di qualche tipo di professionalità in ambito psicologico possono avere difficoltà a riconoscersi nel servizio di Voce Amica, perché non è possibile stabilire un rapporto “terapeutico” con uno sconosciuto con il quale abbiamo solo un contatto telefonico, non programmato, non ripetibile, di durata variabile.

 

Formazione dei volontari

La formazione dei volontari è una componente essenziale per il servizio di Voce Amica Firenze, da cui dipende la qualità del servizio che possiamo offrire.

Non si esaurisce con il corso iniziale e con l’immissione in servizio, ma è un’attività permanente e necessaria per tutti i volontari, indipendentemente dalla loro anzianità di servizio e dai ruoli che ricoprono nell’Associazione.

Uno dei pericoli maggiori nell’espletamento del servizio di Voce Amica Firenze è infatti proprio il maturare la convinzione di non avere più niente da imparare e niente più da mettere in discussione nel proprio modo di operare.

La formazione avviene anche attraverso il confronto tra i volontari in incontri obbligatori con cadenza mensile coordinati dal Gruppo di Formazione e tramite altre iniziative rispondenti di volta in volta ad esigenze particolari.