Banner Voce Amica Firenze

Sostienici


 

L'associazione Voce Amica Firenze per mantenere la propria indipendenza non fa riferimento ad alcuna struttura, nè pubblica nè privata, e si sostiene esclusivamente con le quote associative dei propri volontari, con i proventi del 5 per mille, con donazioni di privati e con la partecipazione a bandi di progetti privati.

Un doveroso ringraziamento va a questo proposito alla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze

Dona il tuo 5 per mille a Telefono Voce Amica Firenze


Dona il tuo 5 per mille ad
ASSOCIAZIONE TELEFONO VOCE AMICA FIRENZE ODV
Un gesto semplice per aiutarci ad offrire il nostro servizio

Come donare il 5×1000

Inserisci sulla tua dichiarazione dei redditi la tua firma e il codice fiscale:
94003370486

nello spazio dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, ecc”.

Cos'è il 5 per mille

Il 5 per mille è una misura fiscale che consente ai contribuenti di destinare una quota dell’IRPEF (pari, appunto, al 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche) a enti che si occupano di attività di interesse sociale, come associazioni di volontariato e di promozione sociale, onlus, associazioni sportive che svolgono prevalentemente attività socialmente utili, enti di ricerca scientifica e sanitaria.

Non è una donazione, quindi non beneficia delle connesse agevolazioni fiscali (non si può detrarre dalle tasse), ma non comporta neppure oneri aggiuntivi (in pratica non costa nulla) in quanto il contribuente è comunque tenuto a pagare l'IRPEF.

Istituito nel 2006 in forma sperimentale, il 5 per mille è diventato un mezzo di sostentamento indispensabile per gli enti non profit; grazie ad esso, i cittadini, con le loro preferenze, permettono uno sviluppo armonico e responsabile del cosiddetto terzo settore, anche in virtù del fatto che le associazioni sono tenute a dimostrare come hanno impiegato le risorse ricevute.



Sussidarietà orizzontale

Il 5 per mille rappresenta per il cittadino un modo democratico per sostenere attività socialmente utili senza alcun aggravio, mentre per lo Stato si tratta di una voce di spesa, dal momento che una porzione del gettito fiscale risulta vincolata alle finalità scelte dal cittadino. Potendo scegliere i beneficiari di una quota dell'imposta sul reddito, il contribuente esercita una sovranità inusuale, dal momento che di solito spetta al Parlamento stabilire l'impiego del gettito fiscale.

Gli elenchi dei soggetti beneficiari del 5 per mille sono pubblicati sul portale dell' Agenzia delle Entrate, dove è presente anche un motore di ricerca che permette di individuare tutti gli enti iscritti.

Il 5 per mille è una forma di sussidiarietà orizzontale , un principio che implica la collaborazione del cittadino con le istituzioni per l'attuazione di interventi socialmente rilevanti.



Differenza tra 5 per mille e 8 per mille

Il contribuente in sede di dichiarazione dei redditi è invitato a esprimere anche la propria preferenza sul cosiddetto 8 per mille dell’IRPEF, ossia sulla possibilità che lo Stato devolva l'8 per mille dell’intero gettito fiscale a una confessione religiosa di sua scelta.La scelta può essere operata tra Stato, Chiesa Cattolica, Chiesa Avventista del settimo giorno, Assemblee di Dio in Italia, Chiese Metodiste e Valdesi, Chiesa Luterana in Italia, Comunità Ebraiche Italiane, Unione Buddhista, Unione Induista, Chiesa Apostolica, Diocesi Ortodossa Italiana, Unione Cristiana Evangelica Battista.

Sulla base delle scelte operate dai contribuenti sono poi effettuati gli opportuni calcoli per attribuire a ciascun soggetto la relativa quota di gettito sulla base delle percentuali ottenute.È molto importante non confondere il 5 per mille con l'8 per mille: si tratta di due misure diverse e non alternative l’una all’altra.



Storia del 5 per mille

Il 5 per mille è stato introdotto in maniera sperimentale con la Legge Finanziaria del 2006 per sostenere, attraverso la destinazione di una quota di IRPEF, le organizzazioni non lucrative, le attività di ricerca scientifica e sanitaria e le attività socialmente utili svolte dai Comuni.

I contribuenti hanno da subito aderito in maniera massiccia e di gran lunga superiore alle aspettative: ben 16 milioni di italiani hanno partecipato alla prima edizione, dimostrando una particolare preferenza per il settore non profit.

Nel 2009, tra le finalità del contributo, è stato introdotto il finanziamento alle associazioni sportive dilettantistiche e l'anno successivo il tetto massimo, che era stato fissato nel 2007 a 250 milioni di euro, è stato innalzato a 400 milioni.

Il 5 per mille riguarda solo l'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) e non delle società (IRES), gli imprenditori possono però aderire al contributo tramite la dichiarazione dei propri redditi personali.

La legge n. 111 del 2011 ha inserito le attività di tutela e rivalutazione dei beni culturali e paesaggistici tra le finalità del 5 per mille.

La legge n.190 del 23/12/2014 ha poi stabilizzato il contributo, rendendolo una fonte sicura e costante di finanziamento per gli enti non profit. Tale legge ha altresì fissato un tetto massimo pari a 500 milioni di euro da destinare al 5 per mille, sia per il 2015 sia per gli anni successivi.

Per garantire la massima trasparenza, la Legge ha introdotto nel 2008 l'obbligo per le associazioni di stilare, entro un anno dall'incasso, un rendiconto che illustri dettagliatamente come sono state utilizzate le somme ricevute. I cittadini potranno controllare in quali attività è stato investito il proprio 5 per mille, consultando i siti dei Ministeri competenti.



Sostieni Telefono Voce Amica Firenze con una donazione tramite bonifico bancario o Paypal


Dacci un sostegno immediato con un bonifico bancario sul conto corrente intestato a

ASSOCIAZIONE TELEFONO VOCE AMICA FIRENZE ODV
acceso presso la banca Intesa San Paolo

IBAN

T 83 L 03069 02924 000000021210

  oppure tramite


 

Benefici Fiscali

Le donazioni effettuate tramite Bonifico bancario o Carta di Credito godono dei benefici fiscali previsti dal Codice del Terzo Settore per le Organizzazioni di Volontariato (OdV).

I benefici posso essere richiesti con due diverse modalità alternative tra loro, così come previsto dall'art. 83 del codice citato, ricordando che la nostra Associazione non svolge alcuna attività a carattere commerciale. Per decidere quale delle due modalità è più conveniente, occorre far riferimento al reddito complessivo del contribuente, tenendo presente che la seconda modalità diviene conveniente per i redditi di maggiore importo.

Detrazione d'imposta del 35%

Il primo comma dell'art. 83 prevede che "Dall'imposta lorda sul reddito delle persone fisiche si detrae un importo pari al 30 per cento degli oneri sostenuti dal contribuente per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore degli enti del Terzo settore non commerciali di cui all'articolo 79, comma 5, per un importo complessivo in ciascun periodo d'imposta non superiore a 30.000 euro. L'importo di cui al precedente periodo è elevato al 35 per cento degli oneri sostenuti dal contribuente, qualora l'erogazione liberale sia a favore di organizzazioni di volontariato."

Deduzione dal reddito

Il secondo comma dello stesso articolo prevede invece che "Le liberalità in denaro o in natura erogate a favore degli enti del Terzo settore non commerciali di cui all'articolo 79, comma 5, da persone fisiche, enti e società sono deducibili dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato."

Modalità tracciabile

In entrambi i casi il beneficio fiscale è consentito, per le erogazioni liberali in denaro, a condizione che il versamento sia eseguito tramite banche o uffici postali ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili. Suggeriamo inoltre di indicare chiaramente nella casuale che trattasi di Donazione perchè i versamenti effettuati a titolo di quota associativa non godono degli stessi benefici. E' importante conservare copia della disposizione di bonifico effettuata da allegare alla Dichiarazione dei redditi. In caso di smarrimento può fare fede anche copia dell'Estratto conto del conto corrente.